Muretto con edera rampicante per il presepe

Come realizzare un muretto di polistirene per il presepe, arricchendolo con un'edera rampicante.

Ritagliamo il polistirene
  • Ritagliamo un pezzo di polistirene, delle giuste proporzioni
  • Con una matita di legno segniamo le linee guida e poi le singole pietre
  • Per approfondire il solco fra le pietre, possiamo aiutarci anche con un chiodo
  • Modelliamo varie pietre: mattoni più o meno regolari o sassi di varie dimensioni
Da scuro a chiaro
  • Copriamolo interamente di nero o marrone molto scuro: non deve restare neanche un punto chiaro!
  • Al secondo passaggio schiariremo un po' il colore
  • Per non entrare nei solchi lavoriamo col pennello piatto, trascinandolo
muretto presepe
Evidenziamo alcuni dettagli
  • Coloriamo qualche pietra qua e là, con colori sempre più chiari
  • Fra un passaggio e l'altro lasciamo il tempo di asciugare
Non scordiamo muschi e umido
  • Spesso i muri reali presentano muschi e licheni oppure macchie di umido
  • Prevediamo alcuni mattoni o pietre di colorazione differente
  • Arricchiamo il manufatto con muschio vero tra le fessure
La paglietta di alluminio
  • La struttura di rete molto sottile di una comune paglietta di alluminio (quella per lavare le stoviglie) è l'ideale per imitare un rampicante
Sfibriamo la paglietta
  • Stacchiamo un pezzo di retina dalla paglietta e modelliamolo a piacere
Coloriamola
  • Copriamo di marrone o nocciola l'alluminio, per simulare il tronco del rampicante
  • Diluiamo acqua e colla vinilica per incollare le foglie
Prezzemolo per le foglie
  • Utilizziamo il prezzemolo essiccato e tritato per simulare le foglie del rampicante
Una cascata di foglie
  • Spolveriamo la retina sporca di colla con una cascata di prezzemolo
Applichiamola al muro
  • Appoggiamo la retina al muro e incolliamola con la colla vinilica
  • Spargiamo la colla anche attorno alla retina, direttamente sul muro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.