Regia, film, armonia, ritmo, rito

Sapevate che per girare un bel film “da oscar” sono necessari due direttori? Pur essendo entrambi registi, nella lingua italiana li chiamiamo in maniera differente: regista l’uno e direttore della fotografia l’altro.

E sapevate che il secondo (da non confondersi con il fotografo di scena) ha una responsabilità maggiore del primo? Il direttore della fotografia deve determinare l’impatto emozionale sul pubblico.

Non dobbiamo dimenticare che un film non è altro che una storia raccontata attraverso una serie di fotogrammi montati in sequenza. Infatti, potrei raccontare la storia più bella e interessante del mondo ma se sbagliassi la fotografia con cui la comunico, avrei certamente mancato il mio obiettivo. D’altra parte, se pur mostrassi immagini bellissime ma scollegate fra loro, senza una trama convincente, lo spettatore ne sarebbe quanto meno disorientato. Perciò, per realizzare un film avvincente è necessario avere una storia interessante, presentata attraverso una fotografia affascinante; quindi, è fondamentale che i due registi operino in armonia perfetta.

Possiamo sperimentare una cosa simile nelle nostre celebrazioni, quando troviamo il Presidente e il Cerimoniere: il primo si occupa del contenuto, della regia spirituale; il secondo invece presenta il tutto nella maniera più opportuna, armoniosa e utile all’edificazione dei fedeli. Non dobbiamo dimenticare che in ogni messa diamo il nostro tributo al gran Re! Infatti, ciascun rito dovrebbe semplicemente risplendere della bellezza e della maggior gloria di Dio. Ora, l’armonia con la quale i nostri due officiano è segno evidente della comunione dei cuori e della presenza del Cristo: tutto ciò di cui si nutrirà l’assemblea celebrante il rito.

Pace e bene, Giuseppe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.